Home Link Building

902

Not mentioning Penguin, links are one of the main factors needed to position your website on organic results.

Google itself confirms that, by Matt Cutts’ words, even if he anticipates a progressive reduction of the importance of links in organic positioning, he doesn’t deny that they will remain an algorithmic factor.

So, the situation is the following: to position your website, you need quality links, but link building using traditional old school techniques could be really dangerous, even more if you match it with a wrong anchor text profile.

In this post you’ll discover 7 advanced and unconventional, at the same time, techniques to obtain link to your website: the opportunities of creating quality links are often before your eyes, you just need to discover them, let’s see how, starting from the first technique.

Tecnique #1: Gain links from who copies your website contents

Did you know that, according to a Tynt’s research, the 82% of online shared contents are copied and pasted from other websites? 4.5 more times than sharing buttons:

Tynt Reveals 82 of All Content Sharing Online Occurs via Copy Paste

Contents plagiarism is an issue that afflicts many websites and that can lead to legal consequences to who copies or simply to the danger of an algorithmic penalty, in the specific case, as Google says in the duplicated contents dedicated page, “the intent is not misleading or manipulating the results of web search engines”.

What about who is being copied? You can take advantage of this situation, making who is copying your contents without putting any links of attribution to the source, forced to do it.

How? For this purpose there come in help some WordPress plugins and a Javascript script. Let’s see them.

3 WordPress Plugins + 1 Script to make your copied contents linked automatically

CopyLink

CopyLink DEJAN seo

Copy link it’s a plugin invented by DejanSEO, a well-known australian SEO, that puts automatic links on the copied content from your website.

This helps not only who reads the copied content in finding the original source, but also who wrote the original content in gaining natural links and referral traffic.

Add link to copied text is another plugin that adds a link on a page that publishes a copied content.
It also prevents the content from being copied and replaces it with a personalized message.
This plugin adds a link to a content copied by a user, letting you personalize the sentence that anticipates the link.

To all the people who do not use WordPress or do not want to use a plugin, the solution may be a Javascript code, Copy Magic Paste, that automatically adds a link on the copied content, customizing it:

Copy Magic Paste

Technique #2: Search for broken inbound links to your website and fix them (or redirect them)

Everyday an unbelievable number of documents are linked from each other: if you think about it, web itself is originally born as an hypertext, in other words a net of documents connected together from hyper textual links.

But as new hyperlinks are created everyday, so web pages die: websites do not get renewed, urls get changed, all reasons that generate broken links that, once clicked, lead to a 404 page.

What are broken links? And how can you use them to generate new links to your website?

Basically there are two ways, which correspond to the next two advanced and unconventional techniques to obtain links:

  • The first method consists in searching for broken inbound links to you website, in other words, in making possible to redirect it to a specific and pertinent page of your website, with the purpose of increase the relevance in terms of link popularity;
  • The second method consists in searching for broken links from other websites, pertinent to the website you want to position and ask for the link to be corrected, linking your website instead of the original source.

Let’s see them, starting from the first.

How to find broken inbound links

The broken link building (also called dead link building) is a technique that consists in identifying links that aim to an url of your website that does not exist anymore and replace them with a working link, directed to an existing page.

Generally, 404 errors do not influence the ranking of the website on Google, though, restore broken links can give new life to your website pages, letting their rankings improve.

To take advantage of this link building technique, two phases are necessaries:

  • The first step is to find websites that have links that generate a 404 page: maybe because they got the url wrong, or because, in the meantime, you removed or changed the url of your pages, without setting a 301 redirect.
  • The second phase consists in replacing it with another destination.

Let’s start from the first.

How to do it? I suggest you two tools, Google Webmaster Tools and Ahref.

 

Finding broken links using Google Webmaster Tools in 2 steps

Finding inbound links that generate 404 error using Google Webmaster Tools is easy: first you have to enter the Health / Crawl Errors section:

 Search Console Errori di scansione

 

You’re going to find there a list of your website urls: by clicking on one of them and going to the “linked from” tab, you can find some of the websites that link a not found by Google page.

 Search Console Errori di scansione 2

Finding broken inbound links using Ahrefs

Ahrefs too, the well-known inbound links analysis software, lets you identify the broken inbound links.

Once identified the website you want to monitor it, it’s just enough to go on Inbound Links/Broken Backlinks:

Broken Backlinks on Ahrefs.pn

 

And once you found the link that points out to our website and generate a 404 page there are two possibilities:

  •  You can automatically redirect it to a pertinent page or to the home page;
  •  You can contact the admin of the website and ask for him to correct the link.

If you go for the first option, you can use some wordpress plugins that let you effectively handle 404 pages: let’s see some of them.

WordPress Ultimate 404 Plugin

Wordpress Ultimate 404 Plugin

WordPress Ultimate 404 Plugin is a plugin that allows you to effectively manage the 404 error of your website giving you the chance to redirect the users to a page of your choice.

Similarly, WordPress Ultimate Redirect Plugin allows you to effectively manage the 404 error and gives you the chance to direct the link to the most similar inbound url.
Or, if you want to redirect your 404 link to the home page, you can use one of these two plugins:

Here you can find a complete list of all the wordpress plugins to manage 404 error .

Technique #3: Look for broken links on other websites and making your website linked

Let’s recap the previous steps:

  • We saw how to take advantage of the copy of our contents, automatically adding an assignment link to our articles, thanks to some simple wordpress plugins or to a script that can be used or created by yourself;
  • We started seeing how to take advantage of broken inbound links to direct them towards a specific page that we want to be linked, whether it’s the home page or an internal one, instead of scattering them in a 404 error.

At this point let’s examine the #2 technique changing the addressee: we’re not going to go searching for broken inbound links to our website, but of other website ones.

How does this technique work?

Let’s imagine to build a link profile for a travels website and of search on theme pages that spread a list of link.

We could use a logic operator as

“travels” inurl: useful links

to generate a SERP of results similar to this one:

-viaggi inurl link utili Cerca con Google

At this point we could insert the url that we found in a tool that allows us to identify broken links as Dead Link Checker:

 Broken Link Checker Tool Dead Link Checker.

To automize this step you can also use a tool as BrokenLinkBuilder.

Once we found them, we could contact the website admin asking to:

  • correct the broken link, putting there a link to our website: the premise is that the topic is related;
  • directly putting the link to an analogue source on your website, because of the fact that the website itself already has a page dedicated to this.

Here’s an example of how you can express the message:

Subject: problem on your website

Hi,

I was surfing on your website today, and I noticed that there are some links that don’t work: …………………..

If you need a replacement page, I can suggest you this post: …………………………

I hope I’ve been useful to you!

Have a nice day,

Emanuele

You will obviously ask for the broken links to be replaced with the resource you want to be linked.

Technique #4: Searching for mentions and transform them in links

Ok, we already saw how searching for broken links on pages that are related to the topic of our website could be an effective method to gain inbound links to our website from pages on the same area of interest and potentially on TRUST (if you choose them so).

We also saw how it’s just enough to redirect the inbound links that generate a 404 error to our website, to give new inbound links to specific pages of our website.

The technique we’re about to see, merge the previous 2: it’s about searching for mentions about our website, not broken inbound links.

What are mentions?

Mentions are all the quotes of our brand, scattered on the web:  mentions can have a relevance on positioning your website, but simply, sometimes, a link can be more effective than a mention.

Ok, so we have to find out two things:

  • How to find mentions to our website;
  • How to turn them into links.

Let’s start from the first one.

2 Methods to find mentions

You can find mentions to your online brand thanks to 2 methods:

  • Using a tool as Social Mention;
  • Using logic operators on Google.

Finding mentions using Social Mention

Social Mention is a tool that allows you to find mentions of your brand on blogosphere: once you got into the home page, type the brand’s name and select “blog”:

 Real Time Search Social Mention

Social Mention will show you all the blogs that mentioned the word that you typed in:

social mention

If you select one of those, as the one indicated by the arrow, you can notice how, inside the text, there’s a mention of the brand, but without a link:

menzione amazon

At this point you could contact the website and reclaim the link on that mention, that will turn itself in an anchor text of your new link.

Finding mentions using logic operators

You can also find the mentions manually, using logic operators as “name of the brand” -www.websiteofthebrand.com”, for example:

trovare menzioni con operatori logici

This way you’ll find all the websites that quote your brand, except yours.

Technique #5: Create an infographic and make it embed using a inbound link

Do you remember the first technique? It consisted of automatically creating a inbound link to our website on pages that copied and pasted our content.

The technique we’re about to see, lets us create a inbound link, not with a copied content, but proposing an embed image on our website, an infographic in particular.

But what are infographics? Infographics are images that gives, in visual form, a concept, in other words, a post.

To use this technique, you need 2 things:

  •  You need to create an infographic;
  • You need to spread it on other websites.

Let’s start from the first step.

 

How to create an infographic

To create an infographic you have 2 possibilities:

  • Or you can create it yourself using Canva, Piktochart, Inform: you can find a good list of these websites with a simple Google search.

The important thing is to create a good, useful and captivating image, so that it can be easily shared and embed: According to BuzzSumo and OkDork, on 100 million contents, infographic is one of the methods that creates the most sharing:

 

Shares-by-Content-Type

But you’d say that sharing does not implies link (maybe social signals): ok, to prove that the infographic could be a good method of link earning, here you are some studied cases:

Once you created it, your infographic needs to be shared and:

  • needs of an embed link;
  • needs a little promotional help;

To embed you can use a code like this (via QuickSprout):

 

<textarea rows="5" cols="70" onClick=select() >
<a href="(image url">
<img alt="" src="image url" />
</a>
Image by <a href="(destination url #1">Anchor Text #1</a>
</textarea>

As for the promotional help, I suggest you to directly contact the websites that may be interested in publishing it, with a message like this (via AdvancedWebRanking):

Case Study Using Infographics for Link Building

Summarily: I created an infographic that can be interesting for the users of your website, would you embed it?

Technique #6: Create a video and embed it using a inbound link

We end with a technique similar to the previous one, but that uses a video instead of an infographic.

The technique consists in creating a video (even for other purpose, not just to take advantage of this technique!) and ask for it to be embed on websites that may be interested in it.

How? First we have to create the embed code: you can do it hosting your video on a service as Wistia, that have a video backlinks function.

Thanks to this function it is possible to create a code that allows you to include a link towards a website to who embed your video on their website.

Here’s how does a screenshot taken from Distilled.net:

 Using Wistia s customisable embed settings to build links with your video content Distilled.

Technique #7: Backlinko.com’s Skyscraper technique

skypscraper tecnica link building backlinko brian dean

This last advanced and unconventional link building technique is a mixture of some of the strategies we’ve already seen.

The credits for its name (Skyscraper indeed) are to Brian Dean, a well-known american blogger and SEO, author of the website Backlinko.com.

If using infographics and video, we created a visual content and we spread it to obtain embed links, here we spread a textual content.

Not a simple post, but a major textual content.

How? Isn’t link earning, content marketing, strategies as “now I’ll write a super cool post and I’ll obtain a lot of links” usually heard?

Maybe reality is different: not only your content won’t be shared enough, if you don’t promote it, but won’t be easily linked either.

You need, as for the infographic, an help. This help comes from a PR work, PR that we already saw working before.

But let’s go with order:

  • Firstly we have to identify a content that deserves to be linked;
  • Then we have to share it with the right people, that would have interest in linking it;

Step 1: Create a content

We’ve said a lot about creating something that deserves to be linked and this is not the most suitable place, however you can follow these three steps:

  •  Identify a topic;
  • Aim to write the best about that topic, something very analyzed, new and juicy, that can be sold;
  • •Create a long, readable and graphically neat content.

Step 2: Identify potential links

Once you’ve done that, identify inbound links to the same topic of you competitors: you can do it using Ahrefs, as Brian Dean suggests, or with any other supervision link tool (I use Backlink Tool from Webmeup.com).

Step 3: Contact the potential links

At this point you just have to contact them, in the same way we’ve already seen with infographics.

This could be a draft of the message, as Brian Dean suggests:

Link Building Case Study How I Increased My Search Traffic by 110 in 14 Days

 

Ok, but does it work?

Here’s what Brian Dean says:

Out of 160 sent emails, he obtained 17 links: a conversion rate of 11%.

Even more significant is the fact that the request went to high quality links, leaving directory and news release behind.

Another application of the Skyscraper technique comes from Tom McLoughlin in Moz, who obtained 100 links from the promotion of a travels themed blog.

2 Software you can use to automize the contact and link addition process

 

We saw how in the production of a quality content, infographic or video, is essential to contact and search for websites that could be interested in share it and embed it.

As you can imagine, this is a long and tiring process: but 2 softwares can come in help: BuzzStream and ContentMarketer.io.

Buzzstream

Buzz stream has the goal of making you save your time in finding contact information and sending multiple emails. Once put the domains of all the people you want to contact, Buzzstream finds for you the useful contact datas, also giving you an update of the relationship status (for instance if the link has been accepted):

buzzstream

screenshot via quicksprout

ContentMarketer.io

In the same way, ContentMarketer.io allows you:

  • To search for the relevant content to what you wrote;
  • To search for the contact datas of who wrote it;
  • Contact him.

contentmarketer.io

screenshot via quicksprout

Conclusions

Recapping the itinerary: we saw 7 techniques to obtain links to your website, raising the popularity and authority of your pages in front of Google, improving that organic positioning for the keyword you have an interest on, raising the qualified traffic to your website.

Basically the 7 techniques may be summarized to 2 operations:

  • • Create a quality content and share it: whether it is an image, a video, a text content, creating a high quality content and pro-actively sharing it can be an effective link earning strategy;
  • • Take advantage of the situations: does someone copy your content? You get a new link. Do you have broken links? You can turn them into new links to a page your positioning. Do you find a website with broken links? Ask for them to be replaced with yours.

How will link building, or link earning or link baiting evolve?
We don’t know yet: It’s sure that, comparing to what the situation was like in the past, the role of a quality content is really important, but, like in the past, seems to be just not enough: you have to promote it and pro-actively try to obtain links.

And you? Have you ever used these link building techniques? Let’s talk about it in the comment section!

2759
Bonus Gratuito per te: Ho preparato 4 Video Inediti che ti guidano alla scoperta della migliore strategia di web marketing per il tuo sito: Scaricali qui ora! O scopri i miei servizi di consulente SEO.

Nonostante Penguin, i link rimangono uno dei fattori principali per posizionare il tuo sito web nei risultati organici.

Lo conferma lo stesso Google per bocca di Matt Cutts, che pur anticipando un progressiva diminuzione del peso dei link nel posizionamento organico, non nega che rimarranno un fattore algoritmico.

A questo punto la situazione è la seguente: per posizionare il tuo sito su Google hai bisogno di link di qualità, ma fare link building con le tecniche tradizionali old school potrebbe costarti cara la pelle, tanto più se ci abbini un profilo di anchor text sbagliato.

In questo post andiamo a scoprire insieme 7 tecniche avanzate e allo stesso tempo non convenzionali per ottenere link al tuo sito web: spesso le opportunità di creare dei link di qualità sono sotto i tuoi occhi, basta scoprirle, vediamo insieme come cominciando dalla prima tecnica.

Tecnica #1: Guadagna un link da chi copia i contenuti del tuo sito

Lo sapevi che, secondo una ricerca di Tynt, l’82% del contenuto condiviso online è copiato e incollato da altri siti? Ben 4.5 volte in più dei pulsanti di condivisione:

Tynt Reveals 82 of All Content Sharing Online Occurs via Copy Paste

Il plagio dei propri contenuti è un problema che affligge molti siti e che può portare a conseguenze legali per chi copia o semplicemente a un pericolo di penalizzazione algoritmica, nel caso, come afferma Google nella pagina dedicata ai contenuti duplicati, “l’intento non sia ingannevole e volto a manipolare i risultati dei motori di ricerca”.

Ma per chi è copiato? Puoi usare la situazione a tuo vantaggio, facendo in modo che chi copia i tuoi contenuti senza inserire nemmeno un link di attribuzione alla fonte sia costretto a farlo.

Come? A questo scopo ci vengono in supporto dei plugin di WordPress e uno script in Javascript. Vediamoli insieme.

3 Plugin WordPress + 1 Script per far linkare il contenuto copiato in automatico

CopyLink

CopyLink DEJAN seo

Copylink è un plugin ideato da DejanSEO, noto SEO australiano, che consente di collocare link automatici sul contenuto copiato dal tuo sito web.

Questo non aiuta solo colui che legge il contenuto copiato a trovare la fonte originale, ma anche a chi ha scritto il contenuto originale a ricevere link naturali e traffico referral.

 Add link to copied text è un altro plugin che ti consente di aggiungere un link a una pagina che pubblica un contenuto copiato.
Consente anche di impedire la copia del contenuto e di sostituire il testo con un messaggio personalizzato.
 Il plugin consente di aggiungere un link al contenuto copiato da un utente, consentendo di personalizzare la frase che anticipa il link.

Per chi non usa WordPress o non vuole usare un plugin una soluzione può essere usare un codice Javascript, Copy Magic Paste, uno script che consente di apporre in modo automatico un link al contenuto copiato, customizzandolo a piacere:

Copy Magic Paste

Tecnica #2: Vai alla ricerca dei link rotti in entrata al tuo sito e aggiustali (o ridirezionali)

Ogni giorno vengono linkati un numero inverosimile di documenti tra loro: se ci pensi lo stesso web nasce come ipertesto, ovvero come trama di documenti collegati tra loro da collegamenti ipertestuali, link appunto.

Ma come nascono ogni giorno dei collegamenti ipertestuali, così allo stesso modo muoiono delle pagine: i siti non vengono rinnovati, le url vengono cambiate, tutti motivi che portano a generare dei link rotti, che una volta cliccati portano a una pagina 404.

Ma cosa sono i link rotti? E come puoi sfruttare questa falla per generare nuovi link in entrata al tuo sito web?

Fondamentalmente in 2 modi, che corrispondono alle prossime 2 tecniche avanzate e non convenzionali di ottenere link:

  • il primo metodo consiste nell’andare alla ricerca dei link rotti in entrata al tuo sito, ovvero fare in modo che invece che generare un errore 404 sia diretto a una pagina specifica e pertinente del tuo sito, al fine di accrescerne il peso in termini di link popularity;
  • il secondo metodo consiste nell’andare alla ricerca dei link rotti da altri siti, pertinenti al sito che vuoi posizionare e chiedere che il link venga corretto linkando il tuo sito invece della fonte originaria.

Vediamoli insieme iniziando dal primo.

Come trovare link rotti in entrata

Possiamo definire broken link building (chiamata anche dead link building) una tecnica che consiste nell’individuare i link che puntano a una url del tuo sito che non esiste più e fare in modo che siano sostituiti con un link funzionante, che va verso una pagina esistente.

Nonostante generalmente gli errori 404 non incidono sul posizionamento del sito su Google, ripristinare i link rotti può consentire di dare nuova linfa a delle pagine del tuo sito, consentendo un miglioramento del loro posizionamento.

Per sfruttare questa tecnica di link building sono necessarie 2 fasi:

  • Il primo passo è trovare i siti che ti linkano ma il cui link genera pagina 404: magari perchè hanno sbagliato a digitare l’url, o perchè nel frattempo hai rimosso o cambiato l’url delle tue pagine senza impostare un redirect 301.
  • la seconda fase consiste nel sostituirlo con un’altra destinazione.

Partiamo dalla prima.

Come farlo? Ti propongo 2 strumenti, Google Webmaster Tools e Ahref.

Trovare link rotti con Google Webmaster Tools in 2 passaggi

Trovare link in entrata che generano errore 404 con Google Webmaster Tools è semplice: innanzitutto devi accedere alla sezione Scansione / Errori di scansione:

 Search Console Errori di scansione

 

Lì troverai una lista di url del tuo sito: cliccando su una e andando nella tab “con link da” puoi trovare i siti che linkano una pagina non trovata da Google.

 Search Console Errori di scansione 2

Trovare i link rotti in entrata con Ahrefs

Anche Ahrefs, il noto software per l’analisi dei link in entrata, consente di individuare i link in entrata rotti.

Una volta individuato il sito da monitorare, basta andare su Inbound Links / Broken Backlinks:

Broken Backlinks on Ahrefs.pn

E una volta che abbiamo trovato i link che puntano al nostro sito e generano pagina 404?

Le possibilità sono 2:

  • o li ridirezioni in automatico a una pagina pertinente o alla home page;
  • o contatti l’amministratore del sito e gli chiedi di correggere il link.

Nel caso optassi per la prima soluzione, puoi usare dei plugin wordpress che ti consentono di gestire in modo efficace i 404: vediamone qualcuno.

WordPress Ultimate 404 Plugin

Wordpress Ultimate 404 Plugin

WordPress Ultimate 404 Plugin è un plugin che ti consente di gestire efficacemente gli errori 404 del tuo sito dandoti al possibilità di ridirezionare gli utenti in una pagina a tua scelta.

Analogamente al precedente, WordPress Ultimate Redirect Plugin ti consente di gestire efficacemente gli errori 404 e integra la possibilità di direzionare il link in entrata all’url più affine.

 Se invece vuoi ridirezionare il tuo link 404 alla home page, puoi usare uno di questi 2 plugin:

Puoi trovare una lista completa dei plugin wordpress per gestire gli errori 404 qui.

Tecnica #3: vai alla ricerca di link rotti su siti altrui e fatti linkare

Ricapitoliamo i passaggi precedenti:

  • abbiamo visto come sfruttare la copia dei nostri contenuti facendo in modo di inserire un link di attribuzione ai nostri articoli in modo automatico, grazie a dei semplici plugin per wordpress o a uno script che puoi usare o creare tu stesso;
  • abbiamo anche iniziato a vedere come sfruttare i link rotti in entrata al nostro sito per direzionarli verso una pagina specifica che ci interessa che sia linkata, sia essa la home page e una pagina interna, invece che disperderli in un errore 404.

A questo punto approfondiamo la tecnica #2 cambiando destinatario: non andremo più alla ricerca di link rotti in entrata al nostro sito, ma di link rotti da altri siti.

Come funziona nello specifico questa tecnica?

Ipotizza di voler costruire un profilo di link per un nostro sito che parla di viaggi e di cercare delle pagine a tema che pubblicano una lista di link.

Potremmo usare un operatore logico come

“viaggi” inurl:link utili

per generare una SERP di risultati simile a questa:

-viaggi inurl link utili Cerca con Google

A questo punto potremmo inserire le url trovate in uno strumento che ci consente di identificare i link rotti come Dead Link Checker:

 Broken Link Checker Tool Dead Link Checker.

Per automatizzare questo lavoro puoi anche usare un tool come BrokenLinkBuilder.

Una volta individuati, potremmo contattare l’admin del sito chiedendo:

  • o di correggere il link rotto inserendo un link al nostro sito: il presupposto è che ovviamente l’argomento sia contestuale;
  • o direttamente di inserire il link a una fonte analoga sul tuo sito, dato che il sito stesso ha già una pagina adibita allo scopo.

Ecco un esempio di come puoi formulare il messaggio:

Oggetto: problema del tuo sito

 Ciao,

                   Stavo navigando sul tuo sito oggi e ho notato che ci sono dei link non funzionanti in questa pagina: ……………………………………..

Se hai bisogno di una pagina di sostituzione, ti posso consigliare questo post: ………………………………………………

Spero di esserti stato utile!

Buon lavoro,

Emanuele

 

 Ovviamente chiederai che i link non funzionanti siano sostituiti con la risorsa che vuoi che venga linkata.

Tecnica #4: Vai alla ricerca di menzioni e trasformale in un link

Ok, abbiamo visto come ricercare link non funzionanti in pagine correlate all’argomento del nostro sito possa rivelarsi un metodo efficace per acquisire dei link in entrata al nostro sito da pagine di ambito analogo e potenzialmente in TRUST (se le scegli tali).

Abbiamo anche visto come è sufficiente ridirezionare i link in entrata al nostro sito che generano un errore 404 per dare nuovi link in entrata a pagine specifiche del nostro sito.

La tecnica che andiamo a vedere fonde le 2 precedenti: si tratta di andare a cercare non i link rotti in entrata la nostro sito ma le menzioni di esso e sostituirle con dei link.

Ma cosa sono le menzioni?

Sono tutte le citazioni del nostro brand sparse in giro per la rete: per quanto, come abbiamo visto in un precedente post, Co Citazioni & Co Occorrenze: La Guida Definitiva, le menzioni possano avere un peso nel posizionamento del proprio sito, ma semplicemente a volte può essere più efficace un link che una menzione.

Ok, a questo punto dobbiamo scoprire 2 cose:

  • come trovare menzioni al nostro sito web;
  • come trasformarle in link.

Partiamo dal primo aspetto.

2 metodi per trovare menzioni

Puoi trovare menzioni del tuo brand online con 2 metodi:

  • usando uno strumento come Social Mention;
  • con degli operatori logici su Google.

Trovare menzioni con Social Mention

Social Mention è un tool che ti consente di trovare menzioni del tuo brand nella blogosfera: una volta che sei entrato nella home page, digita il nome del brand e seleziona “blog”:

 Real Time Search Social Mention

Social Mention ti mostrerà tutti i blog che hanno menzionato la parola che hai inserito:

social mention

Se ne selezioni uno come quello indicato nella freccia, puoi notare come all’interno del testo c’è una menzione del brand senza però un link:

menzione amazon

A questo punto potresti contattare il sito e reclamare il link su quella menzione, che diventerà un anchor text del tuo nuovo link.

Trovare menzioni con gli operatori logici

Puoi anche cercare le menzioni manualmente, usando degli operatori logici come “nome del brand” -www.sitodelbrand.it, ad esempio:

trovare menzioni con operatori logici

In questo modo troverai tutti i siti che citano il tuo brand fatta eccezione per il tuo sito.

Tecnica #5: Crea un’infografica e falla embedare con un link di rimando

Ricordi la prima tecnica? Consisteva nel creare in automatico un link di rimando al nostro sito su pagine che hanno copiato e incollato il nostro contenuto.

La tecnica che andiamo a vedere ora ci consente di creare un link di rimando, non con un contenuto copiato, ma proponendo un’immagine da embeddare nel proprio sito, in particolare un’infografica.

Ma cosa sono le infografiche? Sono delle immagini che rendendo in forma visiva dei concetti, dei post.

Per usare questa tecnica hai bisogno di 2 cose:

  • creare un’infografica;
  • diffonderla in altri siti.

Partiamo dal primo punto.

Come creare un’infografica

Per creare un’infografica hai fondamentalmente 2 possibilità:

La cosa importante è creare un’immagine bella, accattivante e utile, in modo che possa essere condivisa e embeddata facilmente: secondo uno studio di BuzzSumo e OkDork su 100 milioni di contenuti, l’infografica è uno dei metodi che genera più condivisioni:

 

Shares-by-Content-Type

Ma la condivisione non implica link (al massimo social signals) mi dirai tu: ok, a riprova che l’infografica può essere un buon metodo di link earning, ecco alcuni casi studio:

Una volta creata, oltre ad essere condivisa, la tua infografica necessita:

  • di un link embeddato;
  • di una “spintarella” promozionale;

Per embeddare il link puoi usare un codice come questo (via QuickSprout):

<textarea rows="5" cols="70" onClick=select() >
<a href="(URL dell'immagine">
<img alt="" src="URL dell'immagine" />
</a>
Immagine a cura di <a href="(URL di destinazione #1">Anchor Text #1</a>
</textarea>

Per quanto riguarda la “spintarella”, ti consiglio di contattare direttamente e proattivamente i siti che potrebbero essere interessati a pubblicarla, con un messaggio come questo (via AdvancedWebRanking):

Case Study Using Infographics for Link Building

In sostanza: ho creato un’infografica che pò interessare ai lettori del tuo sito, ti va di embedarla?

Tecnica #6: crea un video e fallo embeddare con un link di rimando

Finiamo con una tecnica analoga alla precedente, ma che usa un video invece di un’infografica.

La tecnica consiste nel creare un video (anche per altri scopi, non necessariamente per sfruttare questa tecnica!) e chiedere di farlo embeddare in siti che potrebbero essere interessati ad esso.

Come? Innanzitutto bisogna creare il codice embed: lo puoi fare hostando il tuo video in un servizio come Wistia, che ha una funzione di video backlinks.

Grazie a questa funzione è possibile creare un codice che consente di includere un link verso un sito piacere a chi embedda il tuo video nel proprio sito.

Ecco come funziona con uno screenshot preso da Distilled.net:

 Using Wistia s customisable embed settings to build links with your video content Distilled.

Tecnica #7: La tecnica Skyscraper di Backlinko.com

skypscraper tecnica link building backlinko brian dean

La tecnica che chiude questa rassegna delle 7 tecniche di link building avanzate e non convenzionali è un misto di alcune strategie viste sopra.

Si deve a Brian Dean, noto blogger e SEO americano autore del sito Backlinko.com, che l’ha chiamata Skyscraper, grattacielo per l’appunto.

Se con infografiche e video abbiamo creato un contenuto visivo e l’abbiamo diffuso per ottenerne degli embed e quindi dei link, qui ad essere diffuso è un contenuto testuale.

Non un semplice post, ma un pezzo da 90 dei contenuti testuali.

Ma come? Non si sente tanto parlare di link earning, di content marketing, di strategie come “ora faccio un post fighissimo e otterrò un sacco di link”?

Forse la realtà è ben diversa: non solo il tuo contenuto non verrà condiviso abbastanza se non lo promuovi, ma nemmeno verrà linkato facilmente.

Serve, come per le infografiche, una spintarella. E questa spintarella è data proprio da un lavoro di PR, di public relations che abbiamo visto all’opera anche prima.

Ma andiamo con ordine:

  • innanzitutto si tratta di identificare un contenuto che meriti di essere linkato;
  • poi si tratta di condividerlo con le persone giuste, che abbiano interesse a linkarlo;

Step 1: Crea un contenuto

Sulla creazione di un contenuto che meriti di essere linkato si è detto tanto e questa non è la sede più adatta, in ogni caso puoi seguire questi 3 passi:

  •  identifica un tema;
  • poniti come obiettivo di scrivere il miglior contributo su quel tema, qualcosa di talmente approfondito, nuovo e juicy, succoso, che potrebbe essere venduto;
  • crea un contributo lungo e curato graficamente, oltre che leggibile.

Step 2: identifica i potenziali link

Una volta fatto, identifica i link in entrata agli stessi temi dei tuoi competitor: puoi farlo con Ahrefs, come suggerisce Brian Dean, o con qualsiasi altro strumento per il monitoraggio dei link (io uso il Backlink Tool di Webmeup.com).

Step 3: contatta i potenziali link

A questo punto non ti resta che contattarli, in modo analogo a quanto abbiamo visto prima con le infografiche.

Una bozza di messaggio può essere questo, come suggerisce Brian Dean:

Link Building Case Study How I Increased My Search Traffic by 110 in 14 Days

Ovvero:

Ciao,

stavo cercando alcuni articoli su (argomento) e sono finito nella tua pagina (pagina)

Noto che hai linkato uno dei miei articoli preferito sull’argomento: (titolo articolo)

Volevo solo farti sapere che ne ho creato uno analogo: (nome dell’articolo). E’ simile, ma più approfondito e aggiornato: (url dell’articolo)

Potrebbe essere meritevole di essere menzionato nella tua pagina.

Ok, ma funziona?

Ecco cosa ci dice Brian Dean:

Di 160 mail inviate, è riuscito a ottenere 17 links: un tasso di conversione del 11%.

Ancora più significativo il fatto che la richiesta fosse andata a siti di alta qualità, tralasciando directory e comunicati stampa.

Un altra applicazione della tecnica Skyscraper? Ce la fornisce Tom McLoughlin in Moz, che è riuscito ad ottenere 100 link dalla promozione di un blog a tema viaggi.

2 software per automatizzare il processo di contatto e inserimento link

Abbiamo visto come nella produzione di un contenuto di qualità, di un’infografica o di un video sia essenziale ricercare e contattare siti che potrebbero essere interessati a condividerlo ed embeddarlo.

Come puoi immagine, questo è un processo lungo e faticoso: ma 2 software ci possono dare una mano: BuzzStream e ContentMarketer.io.

Buzzstream

Buzzstream ha come obiettivo farti risparmiare tempo dal trovare informazioni di contatto e inviare email multiple. Una volta inseriti i domini delle persone che vuoi contattare, Buzzstream trova per te i dati di contatto utili, fornendo anche un aggiornamento sullo stadio della relazione (ad esempio se il link è stato accettato):

buzzstream

screenshot via quicksprout

ContentMarketer.io

Analogamente al software precedente, ContentMarketer.io ti consente di:

  • cercare contenuto rilevante a quello che hai scritto;
  • cercare i dati di contatto di chi l’ha scritto;
  • contattarlo.

contentmarketer.io

screenshot via quicksprout

Conclusioni

Ricapitoliamo il percorso fatto finora: abbiamo visto 7 tecniche per ottenere link al tuo sito web, accrescere la popolarità e autorità delle tue pagine agli occhi di Google, migliorare così il posizionamento organico per le keyword di tuo interesse, accrescere il traffico qualificato al tuo sito web.

In sostanza le 7 tecniche si possono ricondurre a 2 operazioni:

  • crea del contenuto di qualità e condividilo: che siano immagini, video, contenuti testuali, creare contenuto di qualità alta e condividerlo proattivamente può essere un’efficace strategia di link earning;
  • sfrutta le situazioni a tuo vantaggio: ti copiano il contenuto? Hai ottenuto un link nuovo. Hai dei link rotti? Puoi farli diventare dei nuovi link a una pagina che stai posizionando. Trovi un sito con link rotti? Chiedigli di sostituirli con il tuo.

Come si evolverà la link building, o link earning o link baiting che dir si voglia? Non ci è dato saperlo con certezza: certo che rispetto a una volta il ruolo del contenuto di qualità è molto importante ma analogamente a una volta sembra non bastare: ci devi mettere del tuo per promuoverlo e cercare proattivamente di ottenerne dei link.

E tu? Hai usato una di queste tecniche di link building? Parliamone nei commenti!

1783
Bonus Gratuito per te: Ho preparato 4 Video Inediti che ti guidano alla scoperta della migliore strategia di web marketing per il tuo sito: Scaricali qui ora! O scopri i miei servizi di consulenza SEO.

Croce e delizia di molti SEO, l’anchor text di vicissitudini ne ha passate tante, da quando, nell’era Pre-Penguin, si usava linkare con anchor text “exact match”, ovvero con la parola chiave esatta, a quando quest’ultima pratica è passata ad essere da acqua santa a diavolo.

Eppure, pur cambiando l’uso, l’anchor text rappresenta ancora, nella SEO, un fattore importante e spesso determinante, sopratutto nelle campagne di Link Building.

Se l’uso corretto della keyword anchor text può contribuire al successo di un posizionamento organico, viceversa un uso scorretto, spammy, può segnare l’inizio di una via verso una penalizzazione spesso di difficile ritorno.

Ecco allora che sapere come usare in modo efficace l’anchor text nella SEO è importante per 2 ragioni, una positiva e una negativa:

  • saper sfruttare la forza dell’anchor text nella link building;
  • tenere il tuo sito salvaguardato da penalizzazioni.

Iniziamo quindi chiedendoci: cos’è l’anchor text?

Cos’è l’Anchor Text?

L’anchor text, letteralmente “testo ancora” non è altro che la parte visibile e cliccabile di un link.

Dal punto di vista del codice HTML, è la parte che si inserisci tra i due <a></a>, come ad esempio:

<a href=”http://www.webmarketing.academy”>qui va il tuo anchor text</a>

 

L’anchor text nella SEO pre e post Penguin?

Possiamo rispondere in 2 modi a questa domanda, a seconda che sia fatta oggi o prima del 2012.  Nella storia e nella funzione dell’anchor text nella SEO ci sono infatti 2 periodi importanti, prima del 2012 e dopo il 2012.

Prima del 2012, ovvero prima dell’aggiornamento algoritmico “Penguin” da parte di Google, l’anchor text costituiva il modo più semplice da parte di Google per capire la rilevanza di un dato sito.

Ad esempio, se il nostro sito veniva continuamente linkato con l’anchor text corrispondente alla parola chiave “hotel venezia”, quest’ultimo assumeva agli occhi di Google rilevanza proprio come “Hotel Venezia”.

Fino a quel periodo (se fai SEO da qualche anno te lo ricorderai) era la regola trovare anche il 100% (o la grande maggioranza) dei link in entrata a un sito web con la parola chiave “secca”. Ovvero: se dovevi posizionare il tuo sito www.hotelvenezia.it per la keyword “Hotel Venezia”, avresti usato come anchor text proprio “hotel Venezia”.

Per farti capire come sono cambiati i tempi, sappi che fare ora una tale operazione può essere dannoso e controproducente e portare direttamente a una sovraottimizzazione e una penalizzazione.

Una ricerca compiuta da Microsite Masters conferma la diretta correlazione tra anchor text costituito da una parola chiave “exact match” e la penalizzazione da parte di Penguin:

inbound-links-anchor-text-keywords-google-penguin

Ok, quindi qual’è la maniera più efficace di usare l’anchor text?

Iniziamo a capirlo parlando prima di come non usare più l’anchor text, ovvero di cosa significa sovraottimizzare i propri link.

Come non usare l’anchor text: anatomia di un sito sopra ottimizzato

I siti che sono sopravvissuti all’algoritmo Penguin e quelli che si vogliono posizionare dopo l’entrata in scena dello stesso algoritmo devono evitare di sopra ottimizzare il sito e il profilo di backlink. A questo punto resta da capire che cosa significa sovra ottimizzazione e capire come non incorrere in una sovra ottimizzazione nelle due principali fasi di un posizionamento organico, ovvero l’ottimizzazione on page e il link building.

Sovra ottimizzazione del contenuto della pagina

Per quanto sia molto più probabile incorrere in una sovra ottimizzazione nella costruzione della rete di backlink in entrata proprio sito, ci sono gli aspetti da tenere in considerazione anche nell’ottimizzazione on page.

In particolare, più che focalizzarsi sulla creazione di un testo infarcito di parole chiave, tecnica molto in uso del passato chiamata keyword stuffing e in realtà dura a morire, cercare di creare dei testi che:

  • contengano la keyword nei punti più rilevanti ai fini dell’ottimizzazione on page;
  • presentino l’occorrenza di determinate Keyword che Google considera correlate all’argomento del testo stesso: è il caso della LSI;
  • presentino una buona quantità di testo, un’adeguata formattazione, la possibilità di condividere il testo stesso: tutti i criteri che, seppur in maniera minore, direttamente o indirettamente, potrebbero influenzare il ranking della pagina per la parola chiave scelta.

Ecco un esempio di keyword stuffing, prova ad immaginare per quale parola questo testo è sovraottimizzato:

keywords stuffing

Sovra ottimizzazione dei link in entrata: Cos’è un “link innaturale”?

A chi fa SEO, spesso risulta difficile capire l’anatomia di un link sopra ottimizzato, per il semplice fatto che un link non sopra ottimizzato, ovvero un link “naturale”, è il tipico link non-SEO  utilizzato -appunto- da chi non fa SEO di professione e possibilmente non sa nemmeno di cosa si tratti.

Se ci pensi, la grande maggioranza delle anchor text usate per i link da chi non conosce la SEO, sono di questi tipi:

  • Brand: quando devi linkare il sito, lo link con il brand, ad esempio: Apple;
  • Termini random che fanno parte del contenuto del testo: se devi linkare il contenuto di una notizia, utilizzi come parola un termine che designa il contenuto della notizia. Ad esempio, se devi linkare una pagina che parla delle “25 password più usate”, potresti linkarla ad esempio con il numero “25” o “password”;
  • l’indirizzo del sito Web in esteso.
  • Termini come “clicca qui”, “sito”: un tipico caso è il sito di Via Michelin, che compare in prima pagina su Google proprio per la query “Clicca qui”, dato che è probabilmente linkato in massa proprio con questo anchor text:

clicca qui Cerca con Google

Se questi sono i modi tipici in cui una pagina viene linkata, è chiaro che le anchor text coincidenti con la parola chiave saranno percepite come poco naturali e potenzialmente sopra ottimizzate, soprattutto se:

  • compaiono in grande quantità rispetto alla media dei siti presenti nella SERP  relativa alla parola chiave;
  • compaiono su siti poco attinenti;
  • compaiono su siti di bassa qualità.

Ecco un’immagine che rende la zona di pericolo di un link innaturale:

link-spam-profilo

Non solo anchor text

La sovra ottimizzazione dei link in entrata non riguarda solamente l’anchor text, ma anche:

  •  la presenza di un grande numero di link sitewide, ovvero quegli ubicati tradizionalmente nella barra laterale o nel footer, che compaiono in tutte le pagine  generando una grande quantità di link in entrata. Tra l’altro, sidebar e footer sono i tipici posti da link acquistato.
  • la presenza di un gran numero di link da siti di bassa qualità come article marketing e web directory, soprattutto se il link presenti in questi siti utilizzano l’anchor text coincidente con la parola chiave;
  • la presenza di un gran numero di link da forum con la parola chiave esatta in firma;
  • la presenza di un gran numero di commenti con la parola chiave nel anchor text;

In conclusione, ciò che fa di un sito un sito sopra ottimizzato per i motori di ricerca, e quindi candidabile a una penalizzazione da parte dell’algoritmo Penguin, non è riconducibile a singole operazioni ma al mix che viene fuori.

Vediamo degli esempi specifici:

Sovra ottimizzazione dei link nell’Article Marketing

Ad esempio, non è che non si può più fare article marketing, semplicemente bisogna stare attenti nel fare article marketing come è stato fatto (e continua ad essere fatto) finora, ovvero con:

  • contenuti di scarsa qualità;
  • contenuti duplicati;
  • contenuti pieni di link spesso alla stessa pagina;
  • link con anchor text exact match, coincidenti con una parola chiave;

Ecco un esempio di anchor text exact match su un sito di article marketing:

anchor text exact match article marketing

Sovra ottimizzazione dei link nei commenti

D’altra parte, non è che non si può più inserire un link nei commenti a un articolo: lo stesso Google ha confermato che i siti che possono incorrere in penalizzazione eccessiva presenza di link no follow dai commenti sono siti che ne fanno un uso spam, ovvero che utilizzano software automatici per la creazione di commenti:

  • in grande numero;
  • su pagine non attinenti al tema del sito;
  • con anchor text coincidente con la parola chiave;

Ecco un esempio di uso della parola chiave nell’anchor text di alcuni commenti:

Anchor Text commenti

Sovra ottimizzazione nei Guest Post

Come dimostra la penalizzazione di Expedia del 2014, nemmeno i guest post sono esenti da possibili penalizzazioni algoritmiche.

Ecco come appariva il profilo di anchor text di Expedia all’epoca della penalizzazione:

expedia.com penalizzazione penguin

Nonostante nelle linee guida di Google riguardanti gli schemi di link sia stata tolta la frase incriminata:

Links that are inserted into articles with little coherence

in ogni caso la presenza di numerosi link da blogger di bassa qualità con anchor text sovra ottimizzato potrebbe creare dei problemi.

Come afferma Google, il problema non è il guest post in sè, ma il modo di farlo in serie e di bassa qualità, ovvero, nelle parole di Matt Cutts:

 

The problem is that if we look at the overall volume of guest posting we see a large number of people who are offering guest blogs or guest blog articles where they are writing the same article and producing multiple copies of it and emailing out of the blue and they will create the same low quality types of articles that people used to put on article directory or article bank sites.

If people just move away from doing article banks or article directories or article marketing to guest blogging and they don’t raise their quality thresholds for the content, then that can cause problems. On one hand, it’s an opportunity. On the other hand, we don’t want people to think guest blogging is the panacea that will solve all their problems.

L’Anchor Text dall’epoca Pre-Penguin ad oggi

Come abbiamo visto, se nell’epoca Pre-Penguin non era inusuale trovare un profilo di backlink con una grande quantità di anchor text “exact match”, ovvero corrispondenti alla parola chiave o come si direbbe ora “sovraottimizzate”, il primo aggiornamento di Penguin ha cambiato in modo radicale il modo di fare Link Building, andando a colpire ogni sito che usasse link di bassa qualità, artificiosi, spam, con il solo intento di modificare gli algoritmi di Google.

Ma come fa Penguin a determinare se il mio profilo di link è artificioso o meno?

Proprio dall’anchor text. Come abbiamo visto sopra, un sito che ha dei link “naturali” non avrà il 100% degli anchor text coincidenti pari pari con la parola chiave no? Verrà linkato anche con il nome del brand, l’url del sito, o in modi “junk” come vedremo, come “sito web”.

 

Ecco che quando Google, dopo Penguin, indicizza i tuoi link in entrata e vede che il 100% dei loro anchor text coincide con la parola con cui stai cercando di posizionarti (e lo vede perchè l’hai inserita nel title, nel testo, nelle heading tags…) capisce che stati cercando di forzare la mano nel ranking di quella parola chiave e…scatta la penalizzazione.

Ora più che mai, dopo Google Penguin e la modifica della pagina relativa agli schemi di link sul Google WebMaster Tool Central variare l’anchor text è diventata cosa buona e giusta. Ancora più di prima. Ma come?

Vediamo 12 modi per variare l’anchor text.

12 modi per variare l’anchor text

anchor-text-variazioni

#1 Anchor Text con parola chiave Exact Match

E’ il preferito dai SEO. Ma ora sull’anchor text coincidente con la parola chiave c’è una taglia da un milione di dollari. Soprattutto se trovato in compagnia di siti di Article Marketing (i press release), o se protagonisti di un profilo di link in entrata a un sito web in certe SERP.

L’anchor text exact match è il classico hotel 3 stelle Venezia.

#2 Anchor Text con parola chiave Phrase Match

Già meglio. Della serie, ho rubato la marmellata ma almeno mi lecco le dita. L’anchor text Anchor Text Phrase Match è un ancora dove la parola chiave non è secca, del tipo: in questo hotel a 3 stelle a Venezia.

#3 Anchor Text con parola chiave + Brand

E’ il caso della parola chiave accompagnata al brand, del tipo hotel Smeraldo 3 stelle Venezia.

#4 Anchor Text = Brand

E’ il caso, per riprendere l’esempio precedente, di Smeraldo, o Smeraldo Srl.

#5 Anchor Text con parola chiave partial match + Brand

Ad esempio: hotel Smeraldo o Smeraldo Venezia, dove la keyword hotel venezia viene smembrata in due parti.

#6 Anchor Text = URL

E’ il collegamento ipertestuale che usa come parola l’URL, nelle varie forme:

  • Con http, ad esempio http://www.hotelsmeraldo.it
  • Senza http, con www., della serie www.hotelsmeraldo.it
  • Con il solo nome di dominio, ad esempio hotelsmeraldo.it

#7 Anchor Text = Immagine

Avete presente l’immagine che cliccate e vi porta in un sito? E’ il caso #7, usato spesso con il logo aziendale, con o senza l’alta tag con la parola chiave.

#8 Anchor Text No follow

Da fuggire come la peste. O No? No, dato che è innaturale che il 100% dei link in entrata a un sito web siano follow.

#9 Anchor Text Junk (spazzatura)

Sarà pure spazzatura, ma non può mancare, i classici “clicca qui” o “sito web” sono la quintessenza di un link naturale. Prova a pensare cosa ci fa Adobe nella SERP di clicca qui (senza nemmeno la keyword nel title!).

#10 Anchor Text Irrilevant

Modi di usare l’anchor text? In questo articolo se ne parla. Ecco un esempio di anchor text che usa frasi sconnesse, irrilevanti appunto, per linkare una pagina.

#11 Anchor Text LSI

Cos’è l’LSI? Guarda qui. Intanto basti dire che magari qualche sinonimo della parola chiave lo puoi anche usare, del tipo albergo a venezia al posto di hotel…

#12 Anchor Text senza link: le co citazioni

co occorrenze seo

Chiudiamo questa carrellata con il più strano dei 12. L’anchor Text senza link è la cosidetta co citazione, del tipo: nel nostro soggiorno a Venezia, ci siamo proprio trovati bene all’hotel Smeraldo (www.hotelsmeraldo.it). Nessun <a href=””></a>. Sono le co citazioni: Google sarebbe in grado di percepire come link, quindi come voto, le frasi scritte con evidente attribuzione (data in questo caso dall’url) attribuendone come anchor text le frasi che trova vicino (in questo caso hotel, venezia, soggiorno…)

Per approfondire l’argomento puoi leggere l’articolo che ho scritto: Co Citazioni & Co Occorrenze: La Guida Definitiva.

Ok, ma allora l’anchor text della SEO è morto? Come lo conoscevamo forse sì. Però è nato un nuovo modo di concepirlo, vediamo come.

L’anchor Text SEO è morto?

anchor text morto

Abbiamo visto come i cambi algoritmici di Google, i relativi aggiornamenti e la modifica della pagina relative agli schemi di link sul Google WebMaster Tool Central abbiano lasciato un segno, nella parte relativa al link building, sul concetto e uso dell’anchor text, almeno nel modo in cui è stato usato finora nella SEO.

Anchor Text…ieri e oggi

Se fino a poco tempo fa sembrava andare tutto liscio, ora assistiamo a uno strano fenomeno:  in SERP particolarmente competitive, la stragrande maggioranza dei siti posizionati in prima pagina hanno un profilo di back ink che potremmo definire piuttosto anomalo, o meglio anomalo rispetto a quello che dovrebbe essere secondo il modo in cui si usava linkare un tempo.

Come ha già avuto modo di notare a suo tempo Rand Fishkin di Moz in USA in un celeberrimo articolo dal titolo emblematico Prediction: Anchor Text is Weakening…And May Be Replaced by Co-Occurrence, la grande maggioranza delle anchor text dei siti posizionati non ha la parola chiave exact match,  ma il nome del brand, o l’url del sito.

moz anchor text

A questo punto la conclusione sembrerebbe: l’anchor text, o meglio il peso dato nel posizionamento organico dalla parola chiave nell’anchor text, è morto. 

A questo punto 4 domande sorgono spontanee:

  • È davvero diventato inutile o addirittura controproducente usare la parola chiave exact match nell’anchor text?
  • Cos’è un link naturale?
  • E’ possibile teorizzare una distribuzione ideale dell’anchor text a priori, come qualcuno ha fatto?
  • Perché il peso della parola chiave dell’anchor text è morto o molto diminuito?
  • Se è così, cosa trasmette la tematicità che trasmetteva l’anchor exact match?

Cerchiamo di rispondere a queste domande.

Usare la parola chiave nell’anchor text è inutile o controproducente?

Partiamo da una veloce constatazione: come abbiamo visto in un altro articolo, ci sono differenti modi di linkare un sito web; di questi, l’anchor text con parole chiave exact match è il classico hotel venezia 3 stelle che linka la home page di hotel a tre stelle a Venezia, appunto.

Il problema è che Google vorrebbe che la crescita della popolarità di un sito web (e di conseguenza la crescita della sua link popularity) fosse “naturale” (e qui si potrebbe aprire una grande parentesi) e in ogni caso così deve essere percepita da Google.

Basta aprire un blog a caso per capire come i modi con cui persone senza loschi fini SEO linkano i siti sono riconducibili a 5 delle maniere viste sull’uso dell’anchor text:

  • Anchor text coincidenti con l’URL: ad esempio www.sito.it, http://www.sito.it
  • Anchor Text coincidenti con la classica spazzatura (junk) del tipo clicca qui, sito web
  • Anchor Text “irrilevant”, cioè più o meno lunghe frasi di testo ad esempio come riportato proprio ieri
  • Anchor Text coincidenti con il brand o il nome, ad esempio: Corriere della Sera, Google
  • Anchor text senza ancor text, ovvero immagini (solitamente il logo) linkate o co-citazioni

Se quindi queste sono le maniere con cui viene effettuato un collegamento ipertestuale naturale e Google vorrebbe che i link fossero naturali preferenze fatte nei confronti di un sito web, cosa ne consegue?

Ovviamente che Google alzerà le orecchie di fronte ad un profilo di backlink con un elevata quantità di anchor text exact match.

E’ possibile teorizzare una distribuzione ideale dell’anchor text a priori, come qualcuno ha fatto?

Se avessi risposto sì, ecco ci giunti alla giostra delle percentuali, della serie usa il 20% di anchor text brandizzato, il 50% di url, il 10% di anchor text con la parola chiave…numeri che ricordano tanto la sempiterna diatriba relativa alla percentuale di keyword density ideale.

La percentuale di keyword density ideale è una cazzata? Secondo me, no, almeno non nel senso classico.

Io penso che la percentuale sia relativa alla SERP. E allora perché ciò non dovrebbe valere per la distribuzione dell’anchor text in un profilo di backlink?

Personalmente non ritengo che si debbano usare percentuali rigide nella distribuzione degli anchor text a un sito ma in relazione alla SERP presa in esame, anche se certi studi sulla distribuzione degli anchor text, come quelli che analizzeremo tra poco, sembrano suggerire percentuali fisse.

Mi spiego: in certe SERP possiamo notare una maggiore tolleranza da parte di Google di elevanti percentuali di back link con anchor text “exact match”, in altre meno, questo senza nulla togliere al fatto che comunque il peso della parola chiave nell’anchor text è diminuito, e può talvolta essere controproducente.

Cos’è un link naturale? 4 studi sulla distribuzione ideale dell’anchor text

anchor-text-distribution-infographic

Sono stati teorizzati alcuni studi sulla distribuzione ideale dell’anchor text al fine di:

  • suggerire un profilo di link naturale agli occhi di Google;
  • evitare di incorrere in penalizzazioni.

Vediamone 4.

Lo studio Ahrefs

Uno studio pubblicato su Ahrefs, dal titolo  Does Anchor Text Still Influence Rankings? I Analysed 255 Domains To Find The Answer [Case Study] conferma la bassa percentuale d’uso degli anchor text a keyword secca:

Lo studio GotchSEO.com

Da un’analisi effettuata da Gotchseo.com, questa sembra essere la distribuzione ideale dell’anchor text:

  • Anchor Text Brand: 50%
  • Links con l’url del sito: 25%
  • Anchor Text “junk”: 20%
  • Partial Match Anchors: 1-5%
  • Exact Match Anchors: meno dell’1%

Lo Studio Moz

Uno studio pubblicato su Moz, dal titolo Anchor Text Distribution: Avoiding Over Optimization, sembra confermare la correlazione tra posizionamento e uso dell’anchor text non coincidente con la parola chiave (“targeted”):

 Anchor Text Distribuzione moz

In particolare, la predominanza è data dall’anchor text coincidente con il brand:

 Anchor Text Distribuzione moz 2

Lo studio Search Engine Journal

Un quarto studio, pubblicato sul Search Engine Journal su 765 anchor text conferma le percentuali viste sopra:

  • Brand anchor texts: 71% del totale
  • Exact Match anchor text: 0%

Perché il peso della parola chiave dell’anchor text è morto o molto diminuito?

A mio parere perché Google vuole (continuare a) ripulire le SERP. E dopo aver inviato le letterine, aver introdotto su Google Webmaster Tool lo strumento per i link sospetti, ecco che a finire sul banco degli imputati è l’altra grande impronta SEO: l’anchor text con la parola chiave secca, poco naturale, molto eau de SEO.

Allora cosa trasmette la rilevanza che trasmetteva l’anchor exact match?

Eh però c’è un problema. La rilevanza testuale che trasmetteva l’anchor text dove va a finire? A mio parere (e a quanto leggo non solo mio) l’eredità (si fa per dire visto che ce l’aveva già) il testo, il sito in cui il testo è contenuto e i dintorni del link.

Cerco di spiegarmi in parole povere. Se prima linkavo l’hotel Smeraldo, un tre stelle a Venezia, con Hotel  Venezia, ora come fa Google a capire che l’Hotel Smeraldo è “votato” come hotel a Venezia se uso come anchor text www.hotelsmeraldo.it? Lo desume:

  • Dall’argomento del sito in cui il link è inserito;
  • Dall’argomento del contenuto in cui il link è inserito;
  • Dalle parole chiave che circondano l’anchor text www.hotelsmeraldo.it (come nel caso delle immagini e delle cocitazioni e cooccorrenze).

Conclusioni

Cerchiamo di tirare le fila del discorso.

  • Mi pare indubbio, non so a voi ma io lo noto sempre di più, che Google in sempre più SERP, soprattutto competitive, predilige i siti con un profilo di backlink con ancore considerate “naturali” nei modi visti sopra;
  • Mi pare anche che non si debba fare una crociata contro l’anchor text con parole chiave, che comunque rimane valido, seppur in peso minore e percentuali esigue, anche nei profili di backlink naturali sopra citati;

A questo punto la palla passa a te. Come usi l’anchor text? Qual’è il futuro dell’anchor text? Parliamone nei commenti!

 

 

2120

l rel=nofollow influisce sul ranking di un sito web? La risposta sembra essere no...vediamo insieme perchè non è così.

Scopri i miei servizi di consulente SEO.

Il rel=nofollow influisce sul ranking di un sito web? La risposta più naturale sembrerebbe “no, dato che Google non trasferisce PageRank o anchor text a questi link”.

Ma la risposta definitiva sul peso dei link no follow sul posizionamento potrebbe non essere risolta in modo così semplice, essenzialmente per 4 motivi:

  1. L’influenza riconosciuta dai social signals, per l’appunto nofollow, sul ranking di un sito web;
  2. L’influenza riconosciuta delle co-occorrenze, o menzioni, o citazioni, sul ranking di un sito web;
  3. Le case histories che sembrerebbero avvalorare il sospetto di un influenza del rel=nofollow sul posizionamento di una pagina;
  4. Le affermazioni ambigue di Google a proposito del no follow;
  5. L’importanza della presenza di link con rel=nofollow nell’insieme dei backlink in entrata a un sito web post Penguin.

Cerchiamo di capire questi punti.

Google e il rel=nofollow

Alla domanda: “come gestisce Google i link no follow”  Matt Cutts  risponde:

In general, we don’t follow them. This means that Google does not transfer PageRank or anchor text across these links.

Google sembrerebbe mettere la parola fine in maniera definitiva sulla questione, nonostante con “in general” sembrerebbe non escludere a priori il fatto di trasferire Page Rank o rilevanza dell’anchor text al sto linkato, se non nel caso di Bug.

Il fatto che Google non trasferisca Page Rank o valore dell’anchor text da link no follow implica necessariamente che i link no follow non abbiano una loro funzione nel posizionamento organico nel sito? Sembrerebbe di no.

L’esperimento Social SEO: il No Follow passa valore e contribuisce al ranking

Gli esperimenti (un po’ datato) di SocialSEo e David LeonHardt e la discussione su Sphinn sembrerebbero avvalorare i sospetti di un’influenza del no follow sul ranking.

Riporto la conclusione dell’esperimento SocialSEO:

Approximately 5 1/2 to 6 weeks after the nofollow links experiment started we found that, even though our domain names were not keyword relevant and our website content was <10% relevant to the keyword phrases used for our nofollow link building, we still ranked for those keywords after only acquiring nofollow links. (grassetto mio) The assumption by many is that nofollow links will not pass much, if any, link juice or anchor text value. But the nofollow link can still pass relevance (grassetto mio)… and slightly more in my opinion. Google may not “count” the link as a weighted backlink but this doesn’t mean they ignore the anchor text being used or the authoratative status of the website being linked from.

In sostanza, secondo Social SEO:

  1. i link con il no follow passano rilevanza;
  2. il fatto che Google non conti il link no follow come link di “peso” non significa che ignori l’anchor text usato e lo status autorevole del sito;

In particolare, su Sphinn il discorso è approfondito in questo modo:

In some cases where there aren’t a whole lot of other ranking signals to use, no-follow links are definitely worth more than Google says.

They may even use them to determine if they can trust the anchor text from true links if it is replicated in nofollow links. So, I am not sure that nofollow links alone can rank a site (I can feel an experiment coming on) as this would mean that google is lying to us all but I think they are certainly part of the bigger picture when it comes to trust of a site and relevance of ranking keywords.

2 ragioni per usare I link no follow nel link building

Ecco due ragioni fondamentali per cui non si dovrebbero trascurare i link con rel no follow in una strategia di link building:

1.    Con l’avvento di Penguin, le antenne di Google sono molto sensibili ai profili di link innaturali. Dal momento che è implausibile che un sito riceva il 100% dei link follow, è chiaro che i link no follow danno quel tocco di naturalezza, spontaneità e varietà al profilo di backlink tale da non incorrere nei sospetti di Google;

2.    Google sta cercando di determinare quanto un sito è considerato popolare e credibile nella sua nicchia di mercato: i social signals e le co occorrenze sembrerebbero avere questa funzione. A questo punto un link no follow da una pagina molto rilevante all’argomento del sito da posizionare potrebbe comunque essere conteggiata come prova della popolarità e della reputazione del sito nel proprio ambito.

Co occorrenze (menzioni) e social signals: i due testimonial del no follow

In realtà, senza andare tanto a cercare, Social Signals e co citazioni sono testimonial autorevoli e accreditati come fattori di ranking che sembrebbero spezzare una lancia a favore delll’influenza del no follow come criterio di ranking.

  • Se Google attribuisce valore alle co occorrenze o menzioni, dove il brand viene citato ma non linkato, perché a fortiori non dovrebbe riconoscere in qualche modo un link no follow?
  • Se d’altra parte i social signals sono sempre più accreditati come fattore di ranking e i social signals sono link no follow (seppure non da commenti ma da social media), perché non dovrebberlo essere anche gli altri link no follow?

Una possibile conclusione: il ruolo dei link no follow nel posizionamento

A questo punto il problema non sembra più essere “I link no follow passano o non passano Page Rank”: l’obiettivo di Google al momento sembra essere determinare il “TRUST” e la popolarità del sito web nel suo ambito (ovvero nel contest della SERP per cui si vuole posizionare). E per determinarlo cerca di capire se il sito:

  • È menzionato e quanto è menzionato nel suo ambito: ovvero se ci sono link, follow e no follow, e co-occorrenze da sito riconosciuti come rilevanti e autorevoli nell’ambito;
  • È menzionato nel suo ambito in modo naturale: ovvero usando il Brand, più che la parola chiave.

Da questo punto di vista i link no follow:

  •  Donano un pizzico di naturalezza, spontaneità e varietà al profilo complessivo dei link in entrata a un sito web;
  •   Consentono di svolgere un ruolo analogo ai social signals, ovvero determinare quanto un sito viene discusso nel suo ambito.

Per approfondire:

Corsi Madri:

Posizionamento nei Motori di Ricerca

Corso Seo e Web Marketing

886

Scopri i miei servizi di consulente seo.

Si sapeva da tempo: in presenza di due link in un pagina che puntano entrambi allo stesso URL,  Google considera solo il primo link. La novità è che questa teoria, avvalorata precedentemente da uno studio di Moz del 2008, è confermata da Matt Cutts in persona in un video.

O almeno Cutts conferma che così era nel 2009, ovvero l’ultima volta che ha controllato, e che ora le cose potrebbero essere diverse.

E’ il succo di un video di 2 minuti e mezzo in cui il capo Webspam di Google afferma sostanzialmente che, premesso che  il PageRank passa a ogni link individualmente, l’ultima volta che Cutts ha controllato, nel 2009 , l’unico anchor text conteggiato era il primo, ma che potrebbe non essere ancora così. Per Cutts la questione è ininfluente, in quanto il tempo va dedicato al miglioramento dei fattori che rendono il tuo sito migliore, come l’architettura del sito, il tempo di caricamento delle pagine e tutto ciò che rende migliore l’esperienza di un utente che naviga sul tuo sito.

Qui di seguito il video e la traduzione libera dell’intervento di Matt Cutts:


Traduzione

Domanda:

che impatto potrebbero avere sul passaggio di Page Rank due link che puntano alla medesima pagina con due diversi anchor text?

Risposta di Matt Cutts:

Provo a darti una risposta. Se mi stai dicendo che la cosa più imporante nella tua strategia SEO è sapere come si comportano due link dalla stessa pagina –e capisco che si possa essere curiosi sulla questione- dovresti fare un passo indietro e dare un’occhiata all’architettura del tuo sito, alla sua user experience, a quando veloce è il caricamento delle pagine.

Se guardi il documento originale del PageRank, se hai due link che da una pagina puntano ad un’altra, entrambi i link passano PageRank e quest’ultimo è diviso per il numero di link in uscita, in questo caso due. Se anche hanno un anchor text differente, questo non influisce sul passaggio del PageRank, ma io passerei oltre e cercherei di rispondere alla domanda su come l’anchor text può passare.

Il processo di estrazione dei link (link extraction process) in cui guardiamo a tutti i link di una pagina, li estraiamo e li colleghiamo alle pagine a cui sono linkati, può selezionare tutti i link o solo uno di essi, o alcuni, e questo comportamento può variare nel tempo. L’ultima volta che ho controllato, nel 2009, era stato selezionato solo uno dei link a una determinata.

Ma ancora, ci sono priorità maggiori, come determinare se gli utenti stanno completando il funnel, o trovando informazioni interessanti, o se il design della mia pagina è aggiornato.

Il punto è: spendi meno tempi a chiederti quando il PageRank passa attraverso due link su una singola pagina e focalizzati sull’insieme di fattori che rendono il tuo sito migliore.

Per approfondire:

Corsi Madri:

Posizionamento nei Motori di Ricerca

Corso Seo e Web Marketing

1246

8 consigli e 5 considerazioni finali su come costruire una rete di link al nostro sito per salire su Google: SeoCognitive.com intervista Wiep Knol.

Scopri i miei servizi di consulenza SEO.

Agli sgoccioli del 2014 ho pensato fosse utile riportare un’intervista della fine del 2013 (è datata 1 novembre) in cui  Razvan Gavrilas di cognitiveSEO, il noto software per la link building, intervista  Wiep Knol di wiep.net.

Embeddo qui sotto il video integrale dell’intervista, mentre di seguito discuto alcune parti dell’intervista traducendo delle parti e commentandole.

Partiamo con i contenuti dell’intervista: Razvan Gavrilas e  Wiep Knol partendo da uno sguardo retrospettivo alla link building com’era, affrontano le prospettive di come sarà.

Wiep inizia dicendo che

una delle cose più importanti che è in corso è la lenta guerra fredda di Google contro la costruzione di link, non in sé ma contro il lato cattivo modo di fare link building.

Sì è passati, a detta di Wiep, da una SEO “nascosta”, fatta di link nascosti agli utenti ma non a Google, come quelli contenuti nei widget, nelle web directory, nei commenti…a una forma di link building alla luce del sole, che Google stessa cerca di incentivare, come guest post, infografiche etc.

In generale, secondo Wiep:

  1. Se un link può essere ottenuto molto facilmente, Google probabilmente non gli attribuirà un così grande valore.
  2. Il link building sta diventando sempre più marketing di contenuti, di Public Relations che prendono il sopravvento sulla parte tecnica.
  3. Una strategia di link building non è univoca, ma va tarata a seconda del settore, dell’anzianità del sito e di altri parametri (gli esempi affrontati riguardano siti giovani, di piccoli nicchie e concernenti il gioco d’azzardo)
  4. Google, con penalizzazioni e messaggi su Google WebMaster Tool sui profili di link innaturali, sta cercando di prendere maggiori informazioni possibili per migliorare i propri algoritmi;
  5. In certi paesi più piccoli, il livello di spam è ancora elevato, in quanto Google non ha ancora l’accuratezza raggiunta, ad esempio, su Google.com.

Co citazioni e peso dell’anchor text

L’intervista diviene ancora più interessante quanto Wiep affronta uno dei temi caldi del link building attuale, le co citazioni e il peso dell’anchor text:

Razvan: Vediamo un’altra domanda da parte dei nostri ospiti (…) Quanto è grande il ruolo della co-citazione e co-occorrenza nel futuro della SEO e di contro l’uso di anchor text ricchi di parole chiave?

Wiep: la Co-citazione per me è molto importante, perché Google è molto più intelligente nel capire il soggetto di un sito non solo per il contenuto ma anche grazie alle co-citazioni, che stanno svolgendo quindi un importante ruolo.

Razvan: Pensi che il testo di ancoraggio diminuirà il suo valore nel tempo?

Wiep: Spero proprio di sì, perché è il segnale più innaturale che Google attualmente considera. Un link con anchor text commerciale (cioè anchor text con la parola chiave exact match ndr) non è qualcosa che qualcuno farebbe naturalmente di suo.

Razvan: A mio parere il testo di ancoraggio ha perso molto della sua importanza perché Google cerca di capire e identificare le parole chiave in prossimità di quel testo di ancoraggio.

Wiep: L’anchor Text è stato il principale fattore determinante, ma la sua importanza è diminuita nel corso degli ultimi anni, e penso che il suo posto sia stato preso da pertinenza e autorità. (…) Penso che quando si desidera posizionarsi per una determinata parola chiave, è molto utile ottenere un link dal sito web che è aurevole (vital) per quella parola chiave. (…) Se si può ottenere un link da quel sito, avrà un impatto molto grande, più di quello fornito dall’ancor text.

Compravendita di link e link nei commenti

Per quanto riguarda l’utilizzo di tecniche esplicitamente interdette da Google, come la compravendita di link e tipicamente spam, come i link nei commenti, Wiep sembra pensarla così:

Non raccomanderei la compravendita di link, per quanto determinare se un link sia o meno acquistato rimane una “grey area”, l’importante è lasciare o meno “footprints” (impronte)…

I link nei commenti, se non costituiscono il 99% dei link del profilo di backlink e non sono ottenuti da un software automatico, non danno problemi

Il ruolo dei social signals

Sui social signals come segnale di ranking, Wiep è sferzante:

Wiep: Exactly the so called correlation studies between the top search results that the top ranking websites have more social votes, than websites that don’t rank. It’s made basically it’s often the other way around. It’s not that they rank because of those signals, but they have those signals because they rank well.

Della serie non sono i social signals a far posizionare un sito, ma è il posizionamento di un sito a far crescere i social signals.

Considerazioni Finali

L’intervista affronta molti temi corredati da altrettante case histories, ma i punti a mio parere realmente interesanti che emergono sono:

  • il ruolo tutt’ora centrale della link building nel posizionamento di un sito;
  • la necessità di ottenere link in modo percepito come naturale da Google  ancora più di prima: a questo proposito usando con ancora più moderazione l’anchor text con parola chiave, il cui gradi di tolleranza da parte di Google varia a seconda delle SERP;
  • la necessità di ottenere link in modo percepito come naturale, con iniziative di PR, content marketing e contenuti che suscitino da sé link baiting;
  • a fronte della diminuzione del peso dell’anchor text, assumono valore le co cotazioni e autorità e pertinenza del sito in cui link compare;
  • il fatto che tecniche spam o grey hat come compravendita di link e link in commenti…possano essere continuate, ma con moderazione, senza lasciare impronte e soprattutto non facendole avere un ruolo maggioritario nel profilo di backlink di un sito web.